Cosa fa un mediatore digitale?

//Cosa fa un mediatore digitale?

Cosa fa un mediatore digitale?

Cosa fa un mediatore digitale è semplice ed anche adatto a tutti ma il come farlo ottenendo grandi risultati è per pochi.

Innanzitutto un po’ di storia…

Il mediatore nasce già dall’antichità come conciliatore civile e commerciale, presumibilmente il primo importante mediatore in Italia fu Camillo Benso conte di Cavour reo di aver mediato per l’unità d’Italia.

Nella mia città a Padova sono riconosciuti i mediatori di bestiame dell’alta padovana, forse il più famoso il padre del fondatore dell’innovativa banca Mediolanum, Ennio Doris, sognava da piccolo le orme del padre anche se poi intraprese il percorso finanziario evidentemente ereditandone l’arte nelle relazioni.

Tutti ricordiamo il gesto in cui disegna a terra con un bastone un cerchio, simbolo di garanzia e fiducia fra cliente e banca, è stato un imprenditore lungimirante.

La professione del mediatore è molto ampia e diversamente regolamentata, infatti oggi esistono diverse categorie di mediatore professionista: civile, linguistico, immobiliare, finanziario, assicurativo…
Tutte queste categorie comportano un’iscrizione ad un ruolo, albo o altri protocolli con degli obblighi e doveri regolamentati dal codice civile, per esempio nella mia categoria di agente immobiliare comportava l’iscrizione al ruolo di agenti d’affari in mediazione.

Il mediatore digitale è una attività regolare, quindi il professionista/imprenditore paga i suoi contributi ma non esiste nel codice civile quindi per natura è un’attività “libera”, accessibile a tutti e può essere affiancata ad una attività esistente, anche al mediatore professionista come il sottoscritto o praticata in maniera esclusiva o anche occasionale, attribuibile fiscalmente come una attività individuale, procacciatore d’affari o anche incaricato alle vendite.

Cosa fa il mediatore digitale? Costruisce relazioni e delega i processi di mediazione a terzi garantendo alle parti sempre la conclusione di un buon affare.

Quindi l’attività comporta la costruzione e la gestione delle relazioni mentre la trattativa, i processi di mediazione spettano ad un’entità terza, per esempio una piattaforma digitale giuridicamente certificata per poter concludere l’affare.

In cambio ricevo automaticamente commissioni ogni qualvolta le parti concludono un affare.

Anche se ho i requisiti per poter portare a termine una compravendita immobiliare, preferisco delegarla così rimango focalizzato nella mia attività, lo sviluppo di relazioni (mediatore digitale).

La fiducia è l’elemento fondamentale del mio lavoro. E come si ottiene?

1. Ama te stesso;
2. Ama ciò che fai;
3. Ama chi ti sta intorno.

Questi sono valori imprescindibili in qualsiasi attività, soprattutto nella mediazione e nella vita.

Alcuni hanno questi valori per natura, altri, come il sottoscritto abbiamo dovuto migliorarli: allenando mente e corpo, lavorando solo per passione e aiutando le persone a risolvere i propri problemi.

Non è per tutti!

La fiducia nelle relazioni è il risultato di questi 3 fondamentali ingredienti, applicati nella quotidianità.
Ed è anche il segreto del 98% delle persone più influenti al mondo da Maria Teresa di Calcutta, Ghandi a Jeff Bazos, Richard Branson…

Prova a pensare ad un tuo conoscente con questi 3 valori, sicuramente dopo un serata passata insieme ti sentirai meglio, positivo e molto probabilmente acconsentirai ad un suo pensiero, idea o progetto!

Circondati di persone con questi 3 valori e se non le trovi, tranquillo non preoccuparti inizia tu, gli altri ti seguiranno poiché sono estremamente contagiosi!

Prova, sperimenta e riceverai in cambio grandi benefici.

By |2023-03-18T20:34:23+00:00gennaio 6th, 2023|Senza categoria|0 Comments

Leave A Comment